Trianon, dal 1923 la vera pizza napoletana si mangia qui

Design week: gli eventi più belli del Fuori Salone
15/04/2019
Forni Valoriani: La buona pizza? Non solo acqua, lievito e farina
16/04/2019

Al Ragusa Off, in occasione de La Città della Pizza, i maestri Giuseppe Furfaro e Angelo Greco ci hanno
raccontato la loro storia: anche Roma ha potuto provare le loro creazioni

Tra i locali napoletani maggiormente conosciuti e invidiati in Italia e all’estero c’è Trianon, la pizzeria napoletana gestita da Giuseppe Furfaro e Angelo Greco. Dopo aver ereditato attività e passione per questo mestiere dalla famiglia dei loro suoceri, i due, presenti all’evento La Città della Pizza ci hanno raccontato da dove vengono, dove sono e soprattutto dove stanno andando.

Come avete cominciato la vostra esperienza lavorativa?

“Sono circa trent’anni che operiamo nel settore. Nostro suocero e suo fratello erano la terza generazione della pizzeria. Sono stati loro a trasmetterci quest’arte. Così cominciò la nostra avventura e ora abbiamo preso le redini dell’azienda, che è nata dalla famiglia Leone e che oggi la detiene ancora. Noi continuiamo questo percorso a cui loro ci hanno iniziato. L’insegnamento va integrato con la passione, senza non si parte”-

Come si è avviata storicamente la vostra pizzeria?

“La pizzeria nasce nel 1923 a cavallo delle due guerre con i coniugi Leone. Pian piano sono subentrate le nuove generazioni che portano avanti la tradizione e, in particolare, il culto della pizza”.

Come trovate l’evento della Città della Pizza?

“Il festival è una buona vetrina per il settore. C’è un bel pubblico. Tante famiglie e tantissime persone. Il senso della manifestazione per noi è il trasmettere la nostra cultura napoletana e la nostra pizza. Infatti la pizza napoletana è patrimonio dell’Unesco e va preservata”.

Come vedete il mondo della pizza moderno rispetto a quello dei vostri nonni?

 “Il mondo della pizza ha avuto una forte evoluzione, ma non dal lato lavorativo. Il cambiamento è avvenuto più dal lato social e molte pizzerie ne sono state influenzate. Qualcuno si è gettato nel mondo del gourmet, ma noi facciamo pizza tradizionale. Vogliamo mantenere le tradizioni. I giovani possono essere influenzati da nuove tipologie di pizza, ma alla fine si torna sempre al classico”.

foto by Gennaro Di Micco



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *