Cantine Fratelli Lavorata: arte, storia e cultura in una bottiglia di vino

Il Paradiso di Lucifero, alla ricerca del Sud: è il momento di Marianna Vitale
20/09/2018
[bu:r]: qualità, ricercatezza e innovazione. Boer vince dieci a zero
21/09/2018

In Calabria, precisamente a Rocella Ionica, dal 1800 sorge un’azienda che cerca di mettere nei suoi prodotti, tutto il bello del suo territorio

Le Cantine Fratelli Lavorata è una realtà storica e ben radicata nel territorio di Rocella Ionica in provincia di Reggio Calabria. Qui Danilo Lavorata, direttore commerciale, insieme alla sua famiglia, producono i loro vini che esprimono l’arte, la storia, la cultura e la tradizione della terra che lo ha prodotto.

Qual è la storia della vostra azienda?

“Luigi è stato il primo della famiglia Lavorata a dedicarsi, verso la metà del 1800, alla viticultura; successivamente il figlio Domenico coltivò la passione del padre. Nel 1958, il secondo dei suoi dodici figli, Vincenzo, con cura meticolosa produceva vino e lo vendeva in tutta Italia. Con Ilario, undicesimo figlio di Domenico, la produzione del vino è cresciuta, perché ha coniugato i valori della tradizione e della famiglia, con quelli dell’innovazione e della globalizzazione”.

Com’è cambiata la vostra azienda?

“In poco tempo i nostri vini hanno conquistato i mercati stranieri, in particolare quello del Belgio e della Germania. Oggi, con la stessa passione, attenzione e dedizione la cantina è diretta da me, figlio di Ilario, enologo, che si occupa dei vigneti e della produzione; da Adele, che segue la parte amministrativa; da Domenico (figlio di Vincenzo) e Danilo che hanno il compito di gestire la parte commerciale”.

Quali sono i vostri vini “particolari”?

“Fondamentali, nella vinificazione sono il Greco nero, la Greca bianca, il Magliocco, la Malvasia, l’Inzolia, il Moscatello bianco (Muscarella) ed il Moscatello nero, la Pedilonga (Gaglioppo). Con questa sorprendente realtà, si confrontano, collaborando, le Cantine Lavorata. Il lavoro sinergico della famiglia, l’attaccamento alla tradizione, la scelta scrupolosa dei vitigni autoctoni, hanno dato impulso alla produzione di vini “particolari” apprezzati dal mercato nazionale ed estero e i numerosi premi e riconoscimenti, per alcuni vini, sono motivo d’orgoglio per la cantina ed un ulteriore stimolo per far conoscere la propria terra attraverso il vino”.

Il vostro territorio quanto influisce sui vini?

“La Calabria avendo dei vitigni autoctoni, i più antichi al mondo, sono un patrimonio di straordinaria importanza sia dal punto di vista culturale che commerciale. C’è un clima spettacolare per poter far dei vini di qualità elevata”.

Martina Suez

 

[widgetkit id=”920″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *