Cos’è la bioarchitettura? Chiedere alla Tenuta Pfitscher…

Roma, Madrid, Monaco e Liverpool: le quattro città protagoniste delle semifinali di Champions League. Dove andare a mangiare?
20/04/2018
Norbert Niederkofler: tre stelle Michelin etiche e sostenibili
24/04/2018

L’azienda familiare del Trentino-Alto Adige produce vino di qualità cercando di essere il più possibile eco-sostenibile

 

Siamo In Trentino-Alto Adige, a sud di Bolzano. Qui la famiglia Pfitscher è impegnata nella produzione di vino da sette generazioni. È un’azienda familiare a tutti gli effetti, una catena di montaggio: ognuno ha il suo compito. Quello di Klaus è lavorare in vigna, tenere unita la famiglia e dal 2011 essere eco-sostenibile. Sviamo subito il primo dubbio.

Che cosa è CasaClima Wine?

“È una certificazione che promuove le cantine vinicole sostenibili ed oltre ai requisiti di efficienza energetica e sostenibilità dell’edificio, particolare attenzione viene posta al processo produttivo a basso impatto ambientale e la limitazione dell’uso di risorse”.

Ci può fare qualche esempio?

“Prima di tutto la struttura deve conformarsi con almeno una quarantina di requisiti diversi, come l’isolamento oppure la produzione di energia elettrica autonoma. Noi grazie al fotovoltaico riusciamo a risparmiare circa il 70% di energia dalla rete elettrica e non abbiamo bisogno dei combustibili fossili”.

Per quanto riguarda la produzione?

“Per la produzione un fattore molto importante è il risparmio dell’acqua potabile, ma anche l’uso di bottiglie leggere con un fattore di riciclaggio del 70%-80%, si risparmia così su carburante e trasporto. Tutto ciò che è collegato alla cantina, deve essere eco-friendly, addirittura le etichette e la carta usata in ufficio”.

Ci parli un po’ della sua azienda, quali sono i vini più richiesti?

“La nostra è una coltivazione eroica, per la maggiore va il Pinot Nero e il Sauvignon Blanc che provengono da terre coltivate tra i 500 e i 900 metri e sono molto richiesti in Italia”.

Coltivare ad altezze così elevate lo considera un punto a suo sfavore?

Assolutamente no! Al giorno d’oggi è importante avere sia un buon vino, ma anche una bella cantina e una bella vista. Tutti sanno produrre un ottimo vino, il vero problema è il dopo, venderlo. Quindi nessun punto a sfavore, anzi siamo avvantaggiati.”

Dan Munteanu

 

[widgetkit id=”690″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *