Dalla piccola Moldavia, la più grande cantina del mondo

Il Paradiso di Lucifero, Kresios: dove il tempo lo decidono i piatti
16/08/2018
Aponiente, esperienza superlativa. Ma manca ancora un po’ all’eccellenza…
17/08/2018

Alle porte da Chișinău, la capitale dello statarello balcanico, la cantina Mileștii Mici dal 2005 detiene il titolo di kellerei più fornita dell’intero globo terracqueo

 

L’impresa statale Mileștii Mici è stata fondata nel 1969 in seguito all’estrazione di giacimenti di calcare, creando di fatto le condizioni ideali per la conservazione del vino e quindi trasformata in cantina. Temperatura costante, umidità relativa ideale e gallerie chilometriche piene di vino in botti, fanno di Mileștii Mici una vera e propria città sotterranea del vino. Ce ne parla il direttore generale: Viorel Bezede.

 

Sappiamo che la cantina è tuttora presente nel libro dei record. Cosa ci può dire di più a riguardo?

“La “Collezione d’oro” di Mileștii Mici è indubbiamente il biglietto da visita non solo dell’impresa, ma di tutta la Moldavia. Registrata dal 2005 nel libro dei Guinness dei primati come la più grande collezione di vini al mondo, attualmente registra più di 1.5 milioni di bottiglie ad una profondità di 80 metri. Un posto assolutamente impressionante”.

Quali sono le caratteristiche che rendono unica questa cantina?

“La cantina ha oltre 200 km di gallerie, di cui solo 55 km attualmente adibiti allo stoccaggio del vino. La temperatura costante di 12°-14° tutto l’anno e l’umidità relativa tra l’85% e il 95%, rendono questo posto ideale per la conservazione del vino. Gli ospiti hanno infatti l’opportunità di affittare un posto, dove conservare le loro collezioni di vini”.

Quali sono i punti su cui l’azienda ha puntato di più negli ultimi anni?

“Il 21° secolo è considerato il secolo del cambiamento e ha contribuito enormemente alla modernizzazione dell’azienda. L’accento è stato posto sulla produzione di nuovi vini che soddisfino gli standard di qualità mondiale, come la produzione di vini Igp. Inoltre un’attenzione particolare è stata dedicata al turismo, che ha avuto un vero e proprio boom negli ultimi quindici anni. Da questo punto di vista i social network e la comunicazione giocano un ruolo davvero molto importante.”

Quale è il vino simbolo di Mileștii Mici?

È difficile per un Manager rispondere a questa domanda (ride ndr). Le uve coltivate sono soprattutto Cabernet Sauvignon, Merlot, Sauvignon e Riesling. I vini giovani e Igp sono molto freschi e aromatizzati. Un discorso a parte per la gamma degli spumanti, soprattutto per quando riguardo il Rosa, sempre più richiesto sul mercato”.

Quali sono i paesi che amano di più i vostri prodotti?

“Il più grande mercato è attualmente la Cina. Abbiamo contratti con gli Stati Uniti, Canada e diversi paesi europei come l’Austria, l’Inghilterra e l’Irlanda”.

Quali sono i punti cardine su cui concentrarsi nel prossimo futuro?

“Ovviamente per penetrare in questi mercati, ma soprattutto per rimanerci dentro, è necessario produrre solo vini di altissima qualità. Inoltre, la partecipazione attiva a diverse fiere internazionali, forum e non ultimo la comunicazione diretta con i clienti, sono sicuramente i punti su cui evolveremo ancora di più in futuro”.

 

Dan Munteanu

 

[widgetkit id=”862″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *