Ferro 13, la giovanissima azienda vinicola creata da cinque giovanissimi soci

To guide business investments arranging an introduction plan into the asian market and into the vastness of its shades. That is the objective of Toscan Wine Group
19/07/2016
Brand Group S.p.A. at Roof Garden of the hotel Boscolo di Roma: the atmosphere gives you shivers
12/08/2016

Produrre cinque vini differenti che rispecchiano il loro alter ego. Questo il grande obiettivo

Cinque giovani soci proveniente da cinque regioni ed eccellenze viticole diverse; un vino che rappresenta l’alter ego di ognuno di loro; un concept grafico, figlio delle più nuove generazioni. Sono questi gli elementi caratteristici dell’azienda vinicola Ferro 13, nata nell’aprile del 2015, da una grande passione, quella per il buon vino e dal desiderio di creare un prodotto di qualità fruibile sia per i grandi e più esperti amatori, sia per i neofiti. Abbiamo intervistato Gabriele Stringa, il suo vino è il Negroamaro pugliese e lui è l’hipster del gruppo, ma Ferro 13 è anche l’hacker di Federico Migliorini, Sangiovese di Toscana; il Nerd di Alberto Buratto, Nero d’Avola di Sicilia; l’hashtag di Alberto Zampini, Sauvignon Veneto; il gentleman di Marco Bernabei, Pinot Nero dell’Oltrepò pavese. L’obiettivo di Ferro 13, come racconta Gabriele Stringa, è quello di “cambiare la percezione del vino partendo anche dall’aspetto visivo e comunicativo delle etichette”. I richiami evidenti ad un linguaggio 2.0 sono un mezzo affinché “il vino diventi – continua – una valida alternativa anche per i giovani, senza dimenticarsi di curare il percorso qualitativo di produzione” tipico della tradizione delle più vecchie cantine. Per questo ogni vino è accompagnato da una simpatica scheda di approfondimento in cui, alla puntuale descrizione della produzione del vino, si accenna alla personalità del produttore e ai suoi gusti con un suggerimento musicale e cinematografico da affiancare alla degustazione. Un’acuta trovata per connettere prima di tutto il cliente all’immagine del vino e a ciò che rappresenta; successivamente, con eguale importanza, al suo gusto.

“Noi ci mettiamo la faccia”

–  –

Gianluca Grasselli

[widgetkit id=”277″ name=”Gallery Bottom-A Gallery”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *