Incontro “Vino, salute e sociale”: le sei facce del Montepulciano

Perché è così difficile scegliere cosa mangiare al ristorante. Secondo la scienza…
20/12/2018
Bulk, il vero fantasma di Natale è quello di chef Giancarlo Morelli
22/12/2018

In occasione del suo cinquantesimo compleanno, uno dei vini più importanti del nostro Paese si è lasciato conoscere attraverso varie degustazioni

 

Domenica 9 Dicembre si è tenuto un importante avvenimento in quel dell’Abruzzo: si sono festeggiati i 50 anni del Montepulciano con ospiti provenienti da tutta Italia e la partecipazione dell’università D’Annunzio di Chieti, il tutto per sottolineare l’importanza del buon bere nella dieta mediterranea ed i risvolti etico sociali di alcuni progetti legati al vino.

Protagonista assoluta una degustazione di annate storiche di Montepulciano d’Abruzzo capitana da Paolo Luciani, grande docente della F.I.S  e volto noto della rubrica del TG5 Gusto. Un percorso fatto di tradizione, innovazione e sperimentazione, frutto della ricerca enologica.

Sei i vini in degustazione che rappresentano le sei facce del Montepulciano: Bio Zero Abruzzo rosso DOC senza solfiti aggiunti, Duca Minimo Montepulciano D’Abruzzo DOC, Invasione Villamagna DOC, Invasione Villamagna DOC Riserva, Mammut Montepulciano D’abruzzo DOC e Negus Montepulciano D’Abruzzo DOC.

L’evento inoltre, è stato un’occasione per un confronto sulla dieta mediterranea, sul valore del vino biologico in Italia e all’estero con la partecipazione del Professor Angelo Cichelli docente ordinario di Scienze e Tecnologie Alimentari dell’Università D’Annunzio Chieti Pescara e presidente del corso di Laurea magistrale in scienze dell’alimentazione e salute.

Molto interessante l’approfondimento di Anna Lebedeva, giornalista del The Telegraph che ha parlato di come il Montepulciano D’Abruzzo sia visto al di fuori dei confini del Belpaese. A fine serata c’è stata la vendita benefica di due vini: “Villamagna DOC Invasione” e “Villamagna DOC riserva Invasione” a cui Cascina Del Colle ha devoluto parte del ricavato all’AISM “Associazione Italiana Sclerosi Multipla”.

 

Andrea Mariani

 

[widgetkit id=”1196″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *