La Vittoria di Paolo Calì

Ercole Olivario: Sardegna, Lazio e Puglia le regioni migliori d’Italia nella produzione di olio
12/04/2018
El Celler de Can Roca, an enogastronomic experience not just a simple lunch
13/04/2018

Il farmacista con la passione del vino ha scritto la parola “vino” sulla sabbia. E non l’ha vista sparire…

 

Vittoria, un piccolo paese al confine con Ragusa, è famosa a livello enologico, per essere l’unica DOCG della Sicilia. La storia di Paolo Calì inizia nel 2001, quando decide di trasformare i terreni di famiglia in vigne. Attenzione: terreni composti di sola sabbia.

La lungimiranza di Paolo Calì è stata la sua Vittoria, terre cosi difficili da coltivare hanno dato la luce a vini di raffinata eleganza, ma di gran corpo. Vini che regalano al palato emozioni e che descrivono alla perfezione un territorio fatto di sole, mare, vento, creando un microclima perfetto per la vigna.

Le viti hanno una densità d’impianto pari a 5100 ceppi per ettaro che consentono di ridurre la resa per vite e di migliorare la qualità dell’uva. I vigneti si trovano a circa 180 metri sul livello del mare, ma le sue terre, originate da dune marine preistoriche, sono molto simili a quelle della spiaggia di mare. Il terreno sabbioso mantiene la pianta in stress idrico, per cui si ricorre all’irrigazione di soccorso solo nelle annate più siccitose.

Rappresenta uno dei migliori microterritori siciliani per la produzione di vitigni antichi ed autoctoni come il Frappato ed il Nero d’Avola, coltivati sin dai tempi dei Greci, quando l’antenato del Cerasuolo di Vittoria veniva prodotto con il nome di “Mesopotamium” e che sono oggi alla base di sei delle sette etichette aziendali.

Su un totale di 15, l’azienda ha creato  otto etichette tra cui due cru  il “FORFICE”, appezzamento caratterizzato da sabbie di consistenza marina, con conformazione a duna. Le uve di Frappato e Nero d’Avola vengono vinificate congiuntamente ed effettuano una macerazione sulle bucce di 100 giorni, alla fine di tale processo viene affinato in botti di rovere da 30 ettolitri per 36 mesi e rimane in affinamento in bottiglia per 6 mesi.

Alla fine del 2017 è stato imbottigliato Pruvenza, un frappato vinificato e affinato in barrique, secondo cru dell’azienda Calì.

Paolo Calì farmacista, produttore di vino e grande appassionato di musica, tant’è che alcune etichette sono state dedicate ai generi musicali come Jazz (Frappato-Nero D’Avola) e Blues (Grillo).

Manene Nero D’Avola e Frappato, vino elegante e soave dedicato al proprio figlio Emanuele un vino sulla quale Paolo Calì punta con affetto e con passione.

 

Andrea Mariani

 

[widgetkit id=”685″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *