Quelli che… ci piace il biologico ma senza ipocrisie

Grossi Florentino: sapori da un altro emisfero
19/06/2017
Chef Maestoso: “Porterò il mio ristorante in giro per il mondo”
20/06/2017

In Friuli, in una zona ad antica vocazione vinicola, sorge l’azienda della famiglia Zorzettig

Sui colli orientali del Friuli, a Spessa di Cividale, sorge l’azienda vinicola Zorzettig. La gestisce una donna, Annalisa, in una zona dove da sempre si produce vino: “Già nel periodo dei Longobardi – spiega infatti la direttrice – questa era la parte che riforniva i centri circostanti”.

La famiglia Zorzettig, di tradizione agricola, si occupa della produzione di vino da generazioni: inizialmente si coltivavano anche sementi, poi il padre di Annalisa decise di dedicarsi esclusivamente alla vite. Dopo una prima produzione da vitigni internazionali, circa trent’anni fa si è scelto di valorizzare quelli autoctoni come lo Schioppettino, il Friulano e il Ribolla.

L’azienda friulana pone molta attenzione allo sviluppo tecnologico, soprattutto nel tentativo di tutelare l’ambiente. Annalisa racconta: “Lavoro con il rispetto massimo perché ci credo: cerco di aderire ad un progetto dove comunque bisogna avere dei registri. Anch’io quando vado al supermercato prendo dei prodotti biologici però, dentro di me, ho dei grandi punti di domanda”. Questi dubbi vengono dal fatto che, frequentando il mondo del biologico, Annalisa si è resa conto di come molti sfruttino semplicemente una moda.

Ciò non toglie che, senza ipocrisie, la Zorzettig voglia sviluppare il proprio lavoro nel rispetto dell’ambiente: “Occorre darsi delle regole: tutti devono avere un’etica ed una sensibilità eco-sostenibile”.

Il rispetto per la natura, lo devi sentire dentro

-Annalisa Zorzettig –

Francesco Snoriguzzi

[widgetkit id=”380″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *